Corruzione - IC3 don P. Diana edu

V.S.Cristofaro,56-80055 Portici (Na)-Tel.0812137412-0812132393-mail:naic8bp001@istruzione.it-naic8bp001@pec.istruzione.it
Logo
Sede centrale
Plesso
Menu
Vai ai contenuti

Corruzione

Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione
Il Piano Triennale di prevenzione della corruzione (PTPC), secondo il disposto dell'articolo 1 della Legge 6 novembre 2012, n. 190, costituisce la modalità principale attraverso la quale le Amministrazioni Pubbliche definiscono e comunicano all’Autorità Nazionale Anticorruzione “la valutazione del diverso livello di esposizione degli uffici a rischio di corruzione e indicano gli interventi organizzativi volti a prevenire il medesimo rischio “ (articolo 1, comma 5).
Il P.T.P.C rappresenta, quindi, lo strumento attraverso il quale l’amministrazione descrive il “processo” finalizzato ad implementare una strategia di prevenzione del fenomeno corruttivo ovvero all’individuazione e all’attivazione di azioni, ponderate e coerenti tra loro capaci di ridurre significativamente il rischio di comportamenti corrotti. Esso, quindi, è frutto di un processo di analisi del fenomeno stesso e di successiva identificazione, attuazione e monitoraggio di un sistema di prevenzione della corruzione. Il P.T.P.C. non è un documento di studio o di indagine, ma uno strumento per l’individuazione di misure concrete, da realizzare con certezza e da vigilare quanto ad effettiva applicazione e quanto ad efficacia preventiva della corruzione
Responsabile della prevenzione della corruzione: Direttore Generale dell’USR per la Campania direzione-campania@istruzione.it
Referente della prevenzione e della corruzione: Dirigente dell’Ambito Territoriale Provincia di Napoli: dott.ssa Maria Teresa De Lisa mariateresa.delisa@istruzione.it
Responsabile della trasparenza: Dirigente Scolastico Giuliana Novelli naic8bp001@istruzione.it

Documenti:
  • Piano triennale di prevenzione della corruzione Regione Campania. Clicca qui
  • Regolamenti per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità (laddove adottati)
  • Relazione del responsabile della prevenzione della corruzione recante i risultati dell’attività svolta (entro il 15 dicembre di ogni anno)
  • Atti adottati in ottemperanza a provvedimenti della CiVIT in materia di vigilanza e controllo nell'anticorruzione
  • Atti di accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui al d.lgs. n. 39/2013
Torna ai contenuti